Le barriere architettoniche che si trovano all’interno degli edifici privati sono un problema ancora piuttosto diffuso nel nostro paese, sebbene il legislatore abbia già provveduto a intervenire più di un quarto di secolo fa con una norma mirata a favorirne il superamento e l’eliminazione.

La L. 13/1989, insieme al relativo decreto attuativo n. 236/1989, venne varata per porre rimedio alle barriere architettoniche che, come risaputo, minano alla base la libertà di spostamento non solo dei disabili ma anche delle persone con difficoltà di deambulazione, come ad esempio gli anziani.

Un ascensore

La normativa sugli ascensori per disabili contiene anche riferimenti precisi relativamente al dimensionamento e alle caratteristiche tecniche degli impianti elevatori per le persone con disabilità o ridotta capacità motoria, che rispondono alle specifiche della normativa europea EN 81.70. La legge prevede anche la possibilità di accedere a contributi per l’istallazione di simili impianti elevatori.

Ancor oggi, purtroppo, non tutti gli edifici residenziali sono provvisti di ascensori per disabili, ma grazie alle detrazioni fiscali del 50% accessibili per tutto il 2018 e all’IVA agevolata, installare impianti di questo tipo è più accessibile dal punto di vista economico.

Per l’installazione di ascensori per disabili a Milano e a Piacenza, perfettamente in linea con i requisiti tecnici previsti dalla legge e semplici da utilizzare, ci si potrà rivolgere all’azienda specializzata Everest, che dal 1954 opera con esperienza nel settore ascensoristico. Scopri la completezza del servizio, certificato ISO 9001, e la qualità costruttiva degli ascensori Everest consultando il sito web everestsrl.it.